35

alfaomega

crone

fuori collana narrativa


graffiti

riflessi

collana graffiti


 

V. A. Conte
Autonome valutazioni
ovvero: tutta la pioggia che mai hai ascoltato cadere

In questo spazio, solitamente, viene reso edotto il lettore circa la persona dell’autore e le sue imprese personali; letterarie e pseudo letterarie… Vito Antonio Conte, in questo libriccino – concepito quasi tre anni fa, poi (dopo un paio di rivisitazioni) terminato per un precipuo destino nel 2013 e, in fine, diventato (come spesso accade), per contaminazioni le più disparate, altro – ossia Autonome valutazioni, ha deciso di omettere ogni nota bio-bibliografica. Vi basti sapere che i suoi libri sono letti in tutto il mondo, senza essere mai stati tradotti…

Vito Antonio Conte è nato a San Pietro in Lama una vita fa e vive a Lecce da un’altra vita; se un’altra ce ne fosse non cambierebbe nulla, ma siccome non c’è non gli credete. Credete invece a quel che scrive e a quel che dice ché questa è tutt’un’altra storia. Una storia benedetta da dio e maledetta dagli uomini. Una storia che ama insieme alle persone che ama…
La sua scrittura è stata pubblicata da Luca Pensa Editore: Blues delle 14:30 (2004); Polvere di sesso e altre (brevi) storie (2004); L’improbabile vera storia di un uomo chiamato Luna (2004); Liberando pensieri  e stanchezza (2005); Di immutati respiri (2006); E di nuovo verrai di niente vestita (2007); Frammenti di un interno (romanzo anomalo) (2008); Quel che resta della polvere (2009); Fuori i secondi (2009); Mai più secondo (2012).
Suoi scritti sono anche presenti in: Vignacastrisi Caffè Letterario (Nel cammino di ogni speranza), Officina d’arte San Francesco, Vignacastrisi, 2004; Pace e Libertà (La battaglia delle idee), La Comune, Roma, 2005; I Quaderni di Athena, Galatina, 2005; Il Sibilo Lungo, BigSur, Lecce, 2005; Majanu, Calcangeli, Carmiano, 2006; Dolmen, Vitruvio, Lecce, 2006; Canto Blues alla deriva, Besa, Nardò, 2006; Sotto la cenere, Luca Pensa -  Consorzio Autori del Mediterraneo, 2008; Di(v)ersi Contemporanei, Scritture del terzo millennio, Ebook, Edizioni Libere, Maglie, 2010.
D’altro sa dio e pochi altri. Intanto c’è... Il viaggio continua. I luoghi toccati negli anni sono pietre. Le persone incontrate sono nuvole. Tranne quelle cancellate. Ovunque abita un’anima.

ISBN 978-88-6152-210-7
Euro 7,00
44 pagine


 

V. A. Conte
Mai più secondo

Non menerò vanto per quel che sono stato, né per quel che sono e ciò che ho fatto… Potendo, qualcosa di ieri cambierei… Sappiate, però, che non rinnego nulla: nel bene e nel male (è andata come doveva). Se altro dovesse interessarvi, connettetevi… Ma una cosa – nonostante tutto e tutti – devo ribadire: credo ancora che un altro mondo è possibile!

Vito Antonio Conte è nato a San Pietro in Lama una vita fa e vive a Lecce da un’altra vita; se un’altra ce ne fosse non cambierebbe nulla, ma siccome non c’è non gli credete. Credete invece a quel che scrive e a quel che dice ché questa è tutt’un’altra storia. Una storia benedetta da dio e maledetta dagli uomini. Una storia che ama insieme alle persone che ama…
La sua scrittura è stata pubblicata da Luca Pensa Editore: Blues delle 14:30 (2004); Polvere di sesso e altre (brevi) storie (2004); L’improbabile vera storia di un uomo chiamato Luna (2004); Liberando pensieri  e stanchezza (2005); Di immutati respiri (2006); E di nuovo verrai di niente vestita (2007); Frammenti di un interno (romanzo anomalo) (2008); Quel che resta della polvere (2009); Fuori i secondi (2009); Mai più secondo (2012).
Suoi scritti sono anche presenti in: Vignacastrisi Caffè Letterario (Nel cammino di ogni speranza), Officina d’arte San Francesco, Vignacastrisi, 2004; Pace e Libertà (La battaglia delle idee), La Comune, Roma, 2005; I Quaderni di Athena, Galatina, 2005; Il Sibilo Lungo, BigSur, Lecce, 2005; Majanu, Calcangeli, Carmiano, 2006; Dolmen, Vitruvio, Lecce, 2006; Canto Blues alla deriva, Besa, Nardò, 2006; Sotto la cenere, Luca Pensa -  Consorzio Autori del Mediterraneo, 2008; Di(v)ersi Contemporanei, Scritture del terzo millennio, Ebook, Edizioni Libere, Maglie, 2010.
D’altro sa dio e pochi altri. Intanto c’è... Il viaggio continua. I luoghi toccati negli anni sono pietre. Le persone incontrate sono nuvole. Tranne quelle cancellate. Ovunque abita un’anima.

ISBN 978-88-6152-158-2
Euro 7,00
40 pagine


 

V. A. Conte
In ordine sperso
In origine: silloge del quando in ordine sparso
(la poesia dove non c’è)

Vito Antonio Conte è nato a San Pietro in Lama una vita fa e vive a Lecce da un’altra vita; se un’altra ce ne fosse non cambierebbe nulla, ma siccome non c’è non gli credete. Credete invece a quel che scrive e a quel che dice ché questa è tutt’un’altra storia. Una storia benedetta da dio e maledetta dagli uomini. Una storia che ama insieme alle persone che ama…
La sua scrittura è stata pubblicata da Luca Pensa Editore: Blues delle 14:30 (2004); Polvere di sesso e altre (brevi) storie (2004); L’improbabile vera storia di un uomo chiamato Luna (2004); Liberando pensieri  e stanchezza (2005); Di immutati respiri (2006); E di nuovo verrai di niente vestita (2007); Frammenti di un interno (romanzo anomalo) (2008); Quel che resta della polvere (2009); Fuori i secondi (2009); Mai più secondo (2012).
Suoi scritti sono anche presenti in: Vignacastrisi Caffè Letterario (Nel cammino di ogni speranza), Officina d’arte San Francesco, Vignacastrisi, 2004; Pace e Libertà (La battaglia delle idee), La Comune, Roma, 2005; I Quaderni di Athena, Galatina, 2005; Il Sibilo Lungo, BigSur, Lecce, 2005; Majanu, Calcangeli, Carmiano, 2006; Dolmen, Vitruvio, Lecce, 2006; Canto Blues alla deriva, Besa, Nardò, 2006; Sotto la cenere, Luca Pensa -  Consorzio Autori del Mediterraneo, 2008; Di(v)ersi Contemporanei, Scritture del terzo millennio, Ebook, Edizioni Libere, Maglie, 2010.
D’altro sa dio e pochi altri. Intanto c’è... Il viaggio continua. I luoghi toccati negli anni sono pietre. Le persone incontrate sono nuvole. Tranne quelle cancellate. Ovunque abita un’anima.

ISBN 978-88-6152-197-1
Euro 7,00

Tiratura limitata
53 copie numerate
e autografate


 

G.Capodicasa
Adad-Rimmon

Capodicasa nasce a Lecce nel 1957. Definito da Ennio Bonea autore difficile e delicato, nel 2002 fa parte del Consiglio Direttivo della Fondazione Città del libro di Campi Salentina, per restare, poi, nell’ambito della stessa come menbro del comitato scientifico.
Ha pubblicato: L’orologio senza lancette; Ad libitum; Parvenze circolari, tradotto anche in lingua albanese; Le ali di Uriel; Due racconti forse umoristici; Giorno 20; Cantosalento (inciso anche su CD-rom); Le storie di Ouc.
Nel 2003 inventa il poliziesco salentino con Il Delitto di Campi (La luce nell’occhio del serpente), a cui segue Il Delitto di Campi 2, Luca Pensa Editore. Nel 1998 ha tradotto e rivisitato il Robinzon Grusoe di Daniel Defoe. Ha collabborato con diverse riviste tra cui Liver Ars, Cittè Viva, Città Magazine, Il Raggio Verde, Carta di Donna, Il Quotidiano, Lecce Sera, e il giornale dei Dottori Commercialisti, pagina culturale.

ISBN 978-88-6152-068-4
Euro 6,00


 

Alessandra Peluso
Canto d’anima amante

Alessandra Peluso salentina di nascita, nomade per necessità lavorative, dopo aver conseguito la laurea in Filosofia con 110 e lode e il dottorato di Ricerca in Scienze Bioetico-Giuridiche, ha svolto i più disparati lavori, tutti rigorosamente precari.
Attualmente collabora ad un progetto presso il Centro di Bioetica e Diritti Umani dell’Università del Salento.
Come dire: il pozzo della precarietà è senza fondo.
Questa è la sua prima pubblicazione.

48 Pagine
ISBN 978-88-6152-126-1
Euro 7,00


 

I.Malcotti
Don't cry Argentina

Ivano non è un «poeta laureato» ed è, prima che un poeta, un proletario,
per usare un termine che ai più sembrerà desueto, ma che è in realtà attuale quanto la condizione che definisce. La condizione di chi come lui appunto, alla poesia dedica il tempo strappato quotidianamente a una giornata di lavoro faticosa, fatta di un quotidiano peregrinare dentro un mondo che tanto ha contribuito alla storia del movimento operaio e della sinistra italiana, che è il porto di Genova.

Ivano Malcotti è nato a Genova, dove vive, il 18 gennaio 1967.
Direttore Esecutivo della rivista «Icaro», collaboratore delle riviste «Aprile», «Infonopoli», «Orizzonti», scrive per la Fondazione Di Vittorio e l’Associazione culturale Fonopoli.
Ha pubblicato e curato numerosi libri di poesia. Per la Luca Pensa ha curato con Giovanni Bandi l’Antologia 70 Poesie per Don Mazzi.


ISBN 88-89267-56-9
Euro 6,00


 

F. Cocchi
È qualche giorno che mi sto inventando


 

I. Malcotti
Fèlsina


 

M. Leo
Il cimitero di memoria

Maurizio Leo classe 1959, vive e opera a Copertino in provincia di Lecce. Da circa 15 anni porta avanti con immensi sacrifici di impegno e di tempo una piccola casa editrice «I Quaderni del Bardo», paragonabile solo per qualità editoriale ai libri di Vanni Scheiwiller. Ha pubblicato per gli stessi: Nel volo del proprio inconscio, Dogmaginazione, L’albergo di latta, Fobia, Non suona più il jukebox nell'appartamento di Allen e Il bazar delle parole scomposte. Di lui hanno scritto pubblicamente Antonio Errico, Paolo Valesio, Mario Cazzato, Ennio Bonea. Privatamente numerose le lettere di stima poetica di Francesco Saverio Dodaro. In questo suo ultimo lavoro dal titolo Il Cimitero di Memoria, Maurizio Leo sembra mantenere il suo trend di ricerca sintagmatica lavorando su di un’espressività poetica lacerante del dubbio, dell'angoscia, del lutto, della separazione.

ISBN 88-89267-29-1
Euro 5,00


 

V.A.Conte
Liberando pensieri e stanchezza

Il poeta (è già suona di sinistro), un individuo (il suono è ancora più sinistro), spesso maledetto (per scelta, per destino o per convenzione), altre volte frustrato e insoddisfatto (suo malgrado), emarginato o deluso, misantropo e più sensibile della media dei suoi simili (tale almeno si crede), quindi superiore al resto degli umani (tale almeno si crede), diverso (tale almeno è creduto). Più spesso afflitto da qualche rara patologia, perciò difficile da curare, del tutto incurabile se, come pure accade, immaginaria. Di rado socialmente non pericoloso. Eccezionalmente, capace di creare versi immortali giuocando con le parole, quelle dette mille e mille volte da mille e mille altri poeti, ma mai con la stessa sequenzialità, cioè con quella che lui, Il Poeta, riesce a fissare fuori dalla sua anima malandata, attraverso il suo corpo stentato, costretto com’è (quasi sempre) a ramingare in povertà, raccogliendo rari pezzi di vita in cambio dell’ennesimo sogno.

ISBN 88-89267-68-2
Euro 5,00


 

V.A. Conte
Polvere di sesso

Le ventisei poesie contenute in questa raccolta evocano altrettanti spaccati esistenziali dell’Autore che li rende con immediatezza, senza alcuna ricerca di mediazione tra realtà e il verso, ricorrendo anche alle scurrilità quando non vi sono altre parole così pregnanti per dire un momento che in quelle proprie di certa oralità, senza, però, mai neppure sfiorare la volgarità. I versi si snodano tra ricordi recenti e ormai andati, tenuti insieme da quella nota comune presente in ogni viaggio: la ricerca di qualcosa e/o di qualcuno che non c’è più, i cui difficili contorni sono dipinti con la consapevolezza che il ricordo non può far rivivere nulla ovvero soltanto intuibili, senza mai scadere nel facile illanguidire nostalgico.

Vito Antonio Conte nasce a San Pietro in Lama (LE) il 26.6.1961. Vive a Lecce. Laureato in giurisprudenza e con lavoro a tema, ama perdersi nella lettura e nella scrittura, in una ricerca tesa al ritorno della valorizzazione della parola quale necessità assoluta e primordiale dell’uomo tra silenzio, pausa e ritmo. Ha pubblicato un’altra raccolta di poesie, Blues delle 14,30 Luca Pensa Editore.

ISBN 88-89267-29-1
Euro 4,00


 

V.A. Conte
Quel che resta della polvere

Vito Antonio Conte vive a Lecce. Suoi versi sono presenti in antologie e scritture corali: Vignacastrisi Caffè Letterario (Officina d’arte di via S. Francesco, Vignacastrisi); Pace e Libertà (Ed. La Comune, Roma); I Quaderni di «Athena» (Circolo Cittadino «Athena», Galatina); Dolmen (Ed. Vitruvio, Lecce); Majanu (Ed. Calcangeli, Magliano); Canto Blues alla deriva (Ed. Besa, Nardò); Il Sibilo Lungo (Ed. BigSur, Lecce); Sotto la Cenere (Luca Pensa Editore-Consorzio Autori del Mediterraneo); ha pubblicato cinque raccolte di (liberi) versi: Blues delle 14:30, Polvere di sesso ed altre (brevi) storie, Liberando pensieri e stanchezza, Di immutati respiri, E di nuovo verrai di niente vestita, e due romanzi: L’improbabile vera storia di un uomo chiamato Luna, Frammenti di un interno, tutti per i tipi di Luca Pensa Editore, Cavallino.

ISBN 978-88-6152-080-6
Euro 6,00




© 2010 Pensa Editore - Tutti diritti sono riservati | Powered & Developed by Pensa Editore