35

alfaomega

crone

fuori collana narrativa


graffiti

riflessi

comunicare

fuori collana narrativa


 

EMANUELA SICA
L'ULTIMA LUNA

La vita, l’amore, la morte, la mitologia, intrecciati e inscindibilmente legati all’umanità, sono i quattro temi caratterizzanti e peculiari del libro L’ultima Luna di Emanuela Sica. L’autrice racconta l’AMORE e le sue infinite metamorfosi e catarsi, la VITA e le sue concretezze di cronaca, attualità e storia, in una danza cruenta (ed impari) con la MORTE, la MITOLOGIA e le sue strabilianti storie nell’eterna lotta tra Eros e Thanatos. Racconti e Monologhi che aprono, scenograficamente, il sipario su un mondo, antico e moderno, fatto di uomini e donne che (realmente o mitologicamente) con le loro storie hanno lasciato un segno, a volte profondo a volte superficiale, nella vita di ognuno di noi. Emanuela Sica si segnala come una personalità nuova e interessante nel panorama poetico-letterario italiano. Avvocato di professione è altresì responsabile dello Sportello Legale Irpinia per il Corpo Internazionale di Soccorso Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio (che offre patrocinio legale gratuito in favore dei non abbienti e delle donne vittime di violenza). Di recente ha ideato e promosso un progetto #PanchinaRossa #AmoreTossico #EducazioneAffettiva di sensibilizzazione e lotta contro la violenza di genere. Cura un blog su internet che porta il suo nome e diverse rubriche su quotidiani nazionali e provinciali.

Emanuela Sica nasce come scrittrice nel 1993 quando da un suo racconto “Uccelli di carta” prende vita una raccolta narrativa (a cura di giovani studenti liceali) dall’omonimo titolo. Nel 2005 pubblica una raccolta di poesie dal titolo Un angelo all’improvviso, a cui sono seguite partecipazioni con prose scelte a: “Le strade della poesia” nel 2011, “Il giglio di grano” nel 2013 e “Pietre Vive” sempre 2013. Nel 2017 ha vinto il premio Internazionale Letterario - sezione Autori Emergenti con la poesia “Una cicuta”. Nel campo della narrativa si è felicemente cimentata con Assolo (2009) ed Anatomia di anime (2010) oltre a partecipare con un suo racconto al libro “Cairano: Relazioni Felicitanti” (2014).

978-88-6152-246-6
euro 12,00


 

PATRIZIA MASCIULLO
BENEDETTA FELICITA’

Patrizia Masciullo
, salentina del ’56, innamorata della sua terra, è all’esordio poetico con questa raccolta di liberi versi. Insegnante nella scuola secondaria, da sempre amante della lettura, s’appassiona alle storie narrate, senza mai perdere interesse per le storie di vita quotidiana. L’osservazione dell’umano divenire, scandito dai giorni in bianco e nero, ma anche vitalmente colorato, con i pensieri e le emozioni che ne conseguono, viene fermato dall’Autrice che, nel suo intimo e viscerale bisogno di cantare i giorni, ce li restituisce in parole: quelle che formano i componimenti di questa silloge. L’opera letteraria in parola ha la freschezza, l’innocenza e la purezza di chi s’approccia all’esistenza conservando la capacità bambina di stupirsi, pur avendo di già vissuto amarezza e delusione, con la consapevolezza che esiste (almeno) una via per toccare la felicità. Poi, v’è la ricerca per trattenerla (quella felicità). Ed è tutta un’altra storia!

978-88-6152-240-4
euro 12,00


 

LUIGI GAETANI
IL COLLEZIONISTA DI SORRISI

“Con alcune decine di poesie Luigi ci narra la storia di un’anima. Di un uomo sensibile e romantico nella cui vita irrompe, prepotente, una ammaliante, seducente, bellissima donna. Una donna appassionata, come sanno essere appassionate solo le donne del Salento, dal sangue denso e dagli sguardi roventi. L’incontro lo cambia e le sue liriche diventano sensuali, dolorose, struggenti. Lui la ama, lei lo ama, loro si amano davvero! Ma un impedimento impedisce il coronamento di questo amore bruciante e lui, provato e affranto, cerca in un monastero l’equilibrio perduto, la pace e un più alto amore”.

Luigi Gaetani, di mio padre e di mia madre figlio, nato a Racale assolata e bella. Reso padre da due figli, libero da ubbie e moglie, amico degli amici e dei “nemici” amico. Discobolo mediocre e tuttavia discobolo, padre di un atleta e di un atleta suocero. A Macomer soldato. Cursiglista. Volontario e socio fondatore dell'associazione di volontariato Avulss di Casarano. Professore per lunghi e luminosi anni presso i Licei “Vanini”, “Giannelli” e “Medi”. Tardi divenuto credente, quando già la neve imbiancava i capelli radi. Stato di famiglia: figlio di Dio.

978-88-6152-255-8
euro 10,00
pag. 108


 

Giovanni Diurisi
Il servitore di carte Lecce, A. D. MDCXXXI

‘Firenze del Sud’, ‘Capitale del barocco’... Ma la Lecce del ’600 fu soltanto trionfo dell’architettura? O meglio: solo gusto della decorazione, fasto di ornamenti di chiese, dimore gentilizie, corti e balconi? No di certo. Fu anche vita quotidiana, lavoro, miseria e sofferenza, episodi e vicende piccole e grandi. Furono uomini e donne: nobili, professionisti, artigiani, ed ancora artisti, religiosi, gente qualunque. A traghettarvi in questo universo ai più sconosciuto provvede questo libro, e lo fa attraverso una gran mole di documenti, resoconti, atti notarili, perfino romanze e componimenti poetici, ciascuno straordinariamente vero. E per il tramite di due personaggi tutti da scoprire: il Vescovo del tempo, Monsignore Scipione Spina, che arrivò dalla sua Napoli e s’insediò sulla cattedra leccese nel 1591, rimanendovi per quasi cinquant’anni, e il suo fido servitore, Giovannino, leccese doc, uomo della strada ma dotato di incredibili risorse. Un sodalizio originale e decisamente affascinante. Lo spunto è offerto da un censimento realmente realizzato nel 1631 (lo Status Animarum Civitatis Lytii de anno MDCXXXI) e di cui si conserva traccia in un manoscritto venuto alla luce pochi decenni fa nell’Archivio Vescovile leccese, che si rivela preziosa istantanea della società del tempo.

Giovanni Diurisi Medico, primario ospedaliero nel settore dell’emergenza, con una nutrita lista di interessi in campi disparati: dalla passione per il collezionismo all’amore per il pianoforte e per la cultura nelle sue molteplici espressioni. Abbinando il gusto per la ricerca, il piacere della scrittura e l’attenzione per il proprio territorio, è nata quest’opera prima, che si pone a metà strada fra il saggio ed il romanzo storico.


pag. 336
978-88-6152-243-5
euro 20,00


 

Lettere di Oronzo Gabriele Costa naturalista di Terra d’Otranto
a cura di Rossella De Ceglie

Figura di spicco nella comunità scientifica italiana della prima metà dell’Ottocento, Oronzio Gabriele Costa (Alessano, 1787 o 1789 – Napoli, 1867), zoologo e paleontologo, fu acuto osservatore della fauna vivente e fossile del Regno di Napoli, territorio che percorse numerose volte confrontando le specie delle diverse località. La sua vita fu segnata, ma di certo non sopraffatta, dalla repressione borbonica nel 1821 e poi nuovamente nel 1849, con la destituzione dalla cattedra di zoologia dell’Università di Napoli e la chiusura della sua Accademia degli Aspiranti Naturalisti. La documentazione d’archivio ritrovata e che qui viene proposta, seppur frammentaria, è un osservatorio privilegiato che ci permette di comprendere appieno le concrete condizioni del suo lavoro ed impegno scientifico ed accademico, rivelando l’intenso scambio di informazioni e di contatti che egli mantenne con il resto d’Italia e con scienziati europei. Al contempo, queste lettere ci rivelano anche i problemi, le difficoltà economiche e le amarezze legate alle vicende delle due destituzioni subite.

Rossella De Ceglie insegna Storia della scienza presso l’Università degli studi di Bari Aldo Moro. Studiosa di storia delle scienze della vita e delle teorie dell’evoluzione, la sua attività di ricerca si è concentrata sugli sviluppi delle ricerche naturalistiche nel secolo XIX in Italia, con particolare riferimento agli studiosi del Regno di Napoli.


pag. 156
978-88-6152-241-1
euro 16,00


 

Luigi Anzalone
Storia di Lili Marleen
Una canzone d’amore contro la guerra cantata da uomini in guerra





Luigi Anzalone
è autore di scritti storico-politici e filosofici. Tra i suoi libri più recenti editi per i nostri tipi, segnaliamo Memoria e utopia in Ernst Bloch (2010), La Dea Bianca e la comunità interculturale (2015), Eroi nel paese della mafia (2016).





pag. 48
978-88-6152-245-9
euro 6,00


 

Ariane Baghaï
Il leone impagliato
Un caso per l’Ispettore Alem Eshetu

Addis Abeba, 1992. Un famoso ornitologo italiano scompare senza lasciare tracce. Un pluridecorato e di-namicissimo Colonnello dell’esercito del T.P.L.F. è incaricato delle indagini. Appena varcata la soglia del-la palazzina in cui vive la piccola comunità di profes-sori universitari, viene trascinato suo malgrado nello straordinario microcosmo della cooperazione italiana. Nulla sembra potere stravolgere la routine di questi cooperanti, neanche la minaccia di uno spietato killer che li ha decisamente presi di mira. Per trovare il ban-dolo della matassa, lo sbalordito e incredulo Colonnel-lo, presto ribattezzato Ispettore, si muove con grande diplomazia e altrettanta ironia in un ambiente dai toni spesso surreali e crudeli. L'intricato caso potrà essere risolto solo con l'attenta analisi socio-antropologica e psicologica del Colonnello Alem Eshetu, un uomo dalle mille risorse e di acuta intelligenza. Il racconto, un giallo sui generis, ristabilisce il legame storico che unisce etiopi ed italiani, al di là delle vicende politi-che, e permette al lettore di scoprire o riscoprire alcuni aspetti della complessa realtà dell’Etiopia, così vicina, seppure ignorata. Ora anche l’Etiopia ha un suo inve-stigatore. E che investigatore!

Ariane Baghaï iraniana e svizzera di origine, è nata a Ginevra. Islamista di forma-zione, ha tenuto per diversi anni la cattedra di Arabo presso l’Università di Trieste e insegnato in programmi di Master in Peace Buiding e in Peace Making in altre Uni-versità. Dopo anni di perma-nenza in Etiopia e in altri pa-esi africani e dell’Asia Cen-trale è ora residente in Italia. Ha pubblicato numerosi sag-gi e articoli in riviste interna-zionali oltre ad alcune opere teatrali, fra le quali Sheba's doors e, per i nostri tipi, Et-nodrammi. Tre incursioni nella drammaturgia etnogra-fica e Fra le nostre ali (Khush Hal nameh), opere portate in scena con successo di pubblico e di critica. Il le-one impagliato è il suo primo romanzo.

pag. 288
978-88-6152-238-1
euro 16,00


 

Gianfranco D’Ambrosio
Gli uomini di paglia. Un intrigo bancario

“Ogni giorno accadono nel mondo eventi, situazioni riprorevoli che ci mettono nella posi-zione scomoda di semplici spettatori e, la prospettiva di agire moralmente in un mondo che incoraggia l’egoismo è quasi nulla, siamo inconsapevoli testimoni senza contare e senza fare qualcosa per cambiarle. L’uomo non si accontenta più di quello che ha, vuole sempre di più e tutto questo porta certamente alla degenerazione e spesso a commettere crudeltà ed efferatezze di ogni ti-po”. Non avevano mai sperimentato un’esistenza delle cose, avevano eliminato completamen-te il superfluo, per cui, tutto il loro tempo a disposizione veniva dedicato alla ricerca di un nuovo modo di vivere fondato sulla semplicità”.

Gianfranco D’Ambrosio è nato ad Asmara (Eritrea) il 22/4/1940 e vive a Lecce. Si è laureato a Bari in Economia e Commercio. È stato Vice Direttore del Banco di Napoli sino al 1989 come dirigente e con funzioni ispettive presso le Filiali. Successivamente ha svolto la professione di commercialista ottenendo incarichi come curatore, perito e consulente presso il Tribunale di Lecce. Ha anche svolto diversi incarichi come commissario nelle ge-stioni straordinarie per conto della Banca d’Italia. Ha pubblicato alcuni articoli di natura e-conomica aziendale sulla rivista Il Corsivo e articoli vari sul Quotidiano di Lecce. Ha pubblicato Angelo Lojola ricerca su un pittore leccese e il libro autobiografico Nonno Anco oltre a dilettarsi a volte con la poesia. Attualmente collabora come volontario presso la Caritas di Lecce.

pag. 224
978-88-6152-236-7
euro 16,00


 

Luigi Di Seclì
Il diluvio universale
Romanzo

Il Diluvio Universale, appunto! … Diluvio col solo intento di allude-re ai nostri vizi, alle calamità na-turali come Cicloni, Tsunami, Al-luvioni, Terremoti, Allagamenti d’ogni sorta, Straripamenti, Eson-dazioni di fiumi e laghi, Maremo-ti, Guerre, Pestilenze, ecceteraccè-tera … Da lungo tempo ormai, o Lettore, il titolo di un’altra Operaletteraria mi si presentava impertèrrito e os-sessionante nella mente: IL DILUVIO UNIVERSALE!! … Titolo da trasporre in Poesia o Prosa dal momento ch’era già sta-to trasposto in Pittura nel corso dei secoli?




pag. 516
978-88-6152-244-2
euro 20,00


 

Antonio Iovino
La mia vita da “Squalo”
Romanzo

Rocamboleschi inseguimenti, incredibili avventu-re, improbabili travestimenti, roboanti fughe, impossibili appostamenti. Questa l’avvincente storia de “lo squalo” e della sua vita dedicata ad assicurare alla giustizia i malviventi. Questa però non è finzione ma realtà.







pag. 124
978-88-6152-230-5
euro 12,00


 

Catia Melcore
L'altro volto della vita

Il tempo che abbiamo a disposizione per vivere su questa terra non è per sempre e non bisogna sprecarlo vivendo nell’ombra di qualcun altro. Abbiate il coraggio di fermarvi e di sentire il vostro cuore, liberandolo da ogni singolo segreto che esso porta, pensate con la vostra mente, con il vostro intuito, nessuno sa cosa è meglio per voi. Ho imparato che bisogna amare prima se stessi e poi gli altri, sembrerà una frase scontata, ma nella vita, non c’è niente di scontato. Ogni alba è un nuovo inizio e dobbiamo viverlo secondo i nostri piani, non secondo le aspettative degli altri.

Catia Melcore è nata a Campi Salentina e vive a Cavallino. Da sempre appassionata di scrittura e lettura, è al suo primo romanzo.

pag. 152
978-88-6152-233-6
euro 14,00


 

Maria Rosaria Perrone
Appoggiata alla luna

La poesia è specchio dell’anima; i versi qui raccolti sono riflesso e insieme espressione del sé più profondo che si sostanzia nella realtà del verbo. Emozioni e sentimenti traboccano dalle parole, scelte con cura, strappate all’anima che scruta, cerca, anela: solo lo scritto che sgorga spontaneo dal cuore può evocare e suscitare tali sensazioni. I versi di Maria Rosaria sono una liberazione catartica della sofferenza vissuta o registrata nella memoria; essi inducono il lettore a volgere lo sguardo per cogliere ciò che, nella frenesia del mondo, sfugge. Il filo sottile che li tiene uniti è Amore infinito, desiderio di libertà, di perfezione, di umana corrispondenza e riconoscenza che l’autrice cerca con intelligente sensibilità, con riservatezza e con spontanea discrezione, senza mai riuscire a vivere pienamente per i limiti e gli egoismi delle altrui esistenze. Il lettore attento potrà gustare l’espressione, ora profonda, ora lieve, ma sempre suggestiva e pregnante della poesia. Per Maria Rosaria la poesia è moto dell’anima che vi cerca e trova rifugio nei momenti di maggiore difficoltà, quando ogni cosa richiede “decisioni di fermezza”; la utilizza come riflessione, come sguardo verso se stessa, la propria vita e il significato più autentico che bisogna darle; se ne serve come strumento di comunicazione cercando di mettere in rima e in versi la sua considerazione sulla vita e su gli altri.

Maria Rosaria Perrone classe 1963. Nata a Trepuzzi ove risiede da sempre. Insegnante, ama la poesia, l’arte e la letteratura. Blogger da oltre un decennio è alla sua opera prima su carta stampata. Sposata e madre di tre figli: Dario, Mauro e Bruno che ha realizzato tutti i disegni di questo libro compresa la copertina, ascoltando e interpretando pazientemente segni e indicazioni.

pag. 156
978-88-6152-231-2
euro 12,00


 

Massimiliano Nicoletti
L’utopia cristiana d’un socialismo ideale

Il comunismo ha fallito in pieno, avendo condannato la classe operaia (urbana e rurale) alla miseria nera. Dunque c’è necessità di un socialismo diverso, un socialismo nuovo ma fondato su basi antichissime, cristiano-democratiche. Il buon governo, espressione di una democrazia tutta cristiano-sociale, deve garantire che il binomio progresso-benessere non sia riservato a pochi “eletti” ma sia di tutti.

Massimiliano Nicoletti dottore in Giurisprudenza, vive e lavora a Lecce, dove è nato nel 1967. Appassionato di scienze politiche, è al suo primo saggio. Ha pubblicato nel 2014 Nel nome del potere, un romanzo storico, il suo esordio letterario.



pag. 108
978-88-6152-228-2
euro 12,00


 

Paolo Vincenti
Luigi Crudo e la musica

Luigi Crudo nasce a Taurisano (LE) nel 1939. Laureato in Lettere Moderne, prima docente e poi dirigente scolastico, consigliere comunale (1964-1969 e 1972-1978) con ruolo di assessore in alcuni di questi anni, diventa uno dei punti di riferimento della rinascita culturale taurisanese; fra le tante iniziative a cui partecipò si ricordano: – fondatore, membro, vice-direttore e successivamente direttore facente funzione del “Centro Studi G.C. Vanini”; – componente a vario titolo e grado dell’Associazione Culturale “Aldo Sabato” e dell’Associazione Donatori Volontari di Sangue(ADOS-AVIS); – cofondatore del giornale “Pagine Taurisanesi” e della Radio Libera Taurus(RTL) con ruoli anche di conduzione; – autore delle parole di diversi brani canori musicati dal Prof. Aldo Sabato e di svariati sonetti poetici; – autore del saggio sugli ultimi cinque anni di vita del filosofo G.C. Vanini “Da Parigi al rogo di Tolosa”; – traduttore, unitamente al Prof. F. P. Raimondi, dal latino delle opere del filosofo G.C. Vanini “Anfiteatro dell’Eterna Provvidenza” ed “I Meravigliosi Segreti della natura”. Figura intellettuale vivace e multiforme, punto di riferimento ed anello di congiunzione di ogni iniziativa culturale e sociale, apprezzato dalla propria comunità d’appartenenza per il grande calore umano, scompare improvvisamente nel maggio del 2007. Nel 2009 la Città di Taurisano gli conferisce la Riconoscenza Civica e riceve da parte del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca il Diploma di Benemerenza di Prima Classe della Scuola, della Cultura e dell’Arte con facoltà di fregiarsi della medaglia d’oro. Ulteriori notizie in: Humanitas et Civitas, Studi in memoria di Luigi Crudo a cura di Giuseppe Caramuscio e Francesco De Paola, Galatina, 2010.

pag. 52
978-88-6152-232-9
euro 8,00


 

Marcello Buttazzo
Origami di parole



Marcello Buttazzo è nato a Lecce e vive a Lequile. Ha al suo attivo numerose pubblicazioni, tra cui segnaliamo: Clandestino d’amore, Serenangelo, E ancora vieni dal mare, E l’alba? Sin dal suo esordio letterario, il suo mezzo espressivo più congeniale è il verso poetico, senza trascurare qualche incursione prosaica. Ha collaborato e tutt’ora collabora con testate di cultura e di letteratura, cartacee ed on-line.



pag. 88
978-88-6152-216-9
euro 12,00


 

Gabriele Perotti
Saggia follia d'amore


“Nulla è stato detto di definitivo sulla vita e sull’amore, d’altronde potremmo continuare all’infinito senza giungere ad alcuna conclusione”. Prendendo spunto dalla narrazione di una sofferta storia d’amore, un giovane e un vecchio dialogano intorno all’amore. Amare è garantirsi il sicuro possesso dell’Amato da parte dell’Amante o esperienza liberante e liberatrice per entrambi? Ognuno dei protagonisti del dialogo espone le ragioni dell’uno e dell’altro partito, invitando il lettore a parteciparvi con le proprie riflessioni.


Gabriele Perrotti è nato a Forino (Av) nel 1947. Laureato in Giurisprudenza, ha insegnato Storia della filosofia contemporanea presso la Facoltà di Lettere e Filosofia della Università degli studi di Salerno. I suoi interessi scientifici hanno spaziato tra il moderno e il contemporaneo. Ha pubblicato sull’evoluzione delle teorie politiche del ’900, sul rapporto tra metafisica e spiritualità nel ’600 francese e su temi ed autori della filosofia contemporanea. Ha tradotto per la casa editrice Olschki Il Pensiero e il Movente di Henri Bergson.

pag. 76
978-88-6152-225-1
euro 12,00


 

Giuliano Minichiello
La valigia di carta


Nel 2018 sarà trascorso mezzo secolo dal “Sessantotto”. Una parte non secondaria della frastagliata generazione che ad esso diede vita, e, talvolta, la vita, era costituita dai giovani dei paesi del Sud interno d’Italia, nati, all’incirca, alla fine della seconda guerra mondiale. Essi avevano vissuto il primo decennio della loro esistenza immersi in una struttura sociale di tipo arcaico, del tutto simile a quella dei loro padri. Quel mondo si configurava come una sorta di archeologia storica, recante i tratti di un passato antichissimo, in molti casi di ascendenza millenaria. Gli stessi ragazzi e ragazze, alla fine degli anni ’50, si trovarono sbalzati in un mondo alieno, distante secoli da quello in cui erano nati e vissuti fino ad allora: il mondo “moderno”. Così, quasi viaggiatori nel tempo, più che nello spazio, costretti, come recitava il verso di una canzone dell’epoca, a “saltare” cento anni in un giorno, passarono attraverso due grandi rivoluzioni: quella, appunto, della nascente modernità e, subito dopo, nel giro di un secondo decennio, quella dell’esplosione impressionante della lotta contro la stessa condizione moderna. Solo pochi di essi riuscirono a insediarsi in uno dei mondi toccati nel corso del loro viaggio; la maggioranza si fermò in una zona neutra, nutrita di grandi speranze e di altrettanto grandi delusioni. Questo libro, a partire dalla storia dell’autore, dai ricordi dell’infanzia fino alla propria personale scelta di vita, rivive le esperienze significative di alcuni dei suoi compagni d’avventura, in una galleria di esistenze che disegna un quadro originale del Mezzogiorno e della trama tessuta in esso dal cosiddetto “Sessantotto”.

Giuliano Minichiello (Avellino, 1945), ha insegnato Storia e Filosofia nel Liceo della propria città, è stato preside a Bologna e ordinario di Pedagogia generale e Filosofia dell’educazione all’Università di Salerno. È uno dei maggiori rappresentanti della filosofia della scienza in Italia e studioso originale della storia del Mezzogiorno. Fra i suoi lavori ricordiamo: Modi del nichilismo (1981), La Tecnica e l’Episteme (1983), Meridionalismo (1997), La vita a termine (2007). Per i nostri tipi ha pubblicato: Il principio imperfezione (2006), L’educazione spirituale (2010), Pensare il conoscere (2015). Dirige la collana “Scienza Nuova”.

pag. 304
978-88-6152-218-3
euro 16,00


 

Associazione Fondo di Solidarietà Permanente
CUORE E MANI APERTE VERSO CHI SOFFRE- ONLUS

"CON UN NASO ROSSO TUTTO POSSO!" - Esperienze di Clownterapia
a cura di Don Gianni Mattia


Un libro curato da Don Gianni Mattia, che raccoglie le testimonianze dei clown volontari nei reparti di pediatria e psichiatria, ma anche nei difficili viaggi della Bimbulanza e in tutte le occasioni in cui il naso rosso è diventato strumento di cura per la sofferenza.
Sono storie di vita che diventano Vita, storie che hanno qualcosa di magico e meraviglioso, immergersi in queste pagine è rivivere emozioni e sentimenti che hanno colore e calore, basta lasciarsi trasportare e ci si sente “pezzo di cielo” per gli altri…

ACQUISTANDO QUESTO LIBRO SOSTIENI I VIAGGI DELLA BIMBULANZA

Potrai trovarlo presso:

Libreria Pensa, Lecce
Libreria Liberrima, Lecce
Libreria Viva Athena, Galatina
Libreria Dante Alighieri, Casarano
Libreria Marescritto, Tricase
Libreria Edicola Più, San Pietro Vernotico
Cartolibreria Bono, Gallipoli
Libreria I Volatori, Nardò
Librolandia, Racale
Edicola 41, Bergamo

o ordinandolo direttamente a:
info@pensaeditore.it - tel./fax. 0832/205793


Don Gianni Mattia è stato ordinato sacerdote nel 1997. Precursore e promotore della Clownterapia a Lecce, è presidente e fondatore (2001) dell’Associazione “Cuore e mani aperte verso chi soffre” ONLUS, che opera all’interno del Presidio Ospedaliero “Vito Fazzi” attraverso gruppi di volontari impegnati in accoglienza, counseling, clownterapia e altro. Cappellano ospedaliero dal 1998, licenziato in Teologia Pastorale Sanitaria, ha realizzato grazie alla collaborazione di dipendenti ospedalieri, pazienti e parenti di pazienti, la Casa di accoglienza “S. Caterina Labourè”, la Bimbulanza, il Sorrisinbus, la Casa di accoglienza in Tanzania e tanti altri progetti. Don Gianni ha fatto del sorriso la sua missione formando in questi anni centinaia di giovani che offrono gratuitamente e a titolo volontario il loro tempo a piccoli degenti, a disabili e pazienti con patologie mentali. Ha pubblicato con le Edizioni Paoline Sul palmo della tua mano, (2012).

978-88-6152-202-2
euro 14,00


 

Francesco Ingusci
Il melograno


…Di questa terra io sento l’odore, odore di anguria e pomodori, odore di basilico e di “tumu”; quello che io sento non è odore, è profumo. è terra rossa, è terra amara, è terra seccata dal sole, è terra che se ti penetra, ti scioglie il cuore…

Francesco Ingusci nasce a Nardò nel 1965.
Alla sua prima esperienza letteraria, da sempre si diletta con versi e riflessioni, raccontando di sentimenti interiori e passione per la sua terra…




978-88-6152-190-2
euro 12,00


 

Sergio Pinto
Il regno dei lupi


“.....Volante!! Fate attenzione i rapinatori sono 4, ben vestiti e armati con pistole, hanno appena finito di legare e imbavagliare le due commesse...”.
“...Quello che vi racconterò non coinvolgerà mezza Europa ma mezzo mondo. Le garantisco che quello che ascolterete farete fatica a contenerlo tutto in un’unica testa...”.

Francesco e Daniele, i due poliziotti-investigatori protagonisti di questo romanzo, si trovano ad affrontare un’indagine che segnerà per sempre la loro esistenza. Arresti, inseguimenti mozzafiato, terranno il lettore in costate suspense.
I fatti narrati, con addentellati reali, sono verosimili anche laddove l’Autore li contamina con l’immaginazione. E questo è segno d’un buon esordio.

Sergio Pinto classe ’54. Dopo la scuola dell’obbligo consegue il diploma di geometra. Fin da giovanissimo si distingue in diverse discipline sportive, fino a quando affascinato dalle arti marziali Giapponesi, dedica tutto il suo tempo libero alla pratica del karate, apprendendone i segreti direttamente dai più grandi Maestri Giapponesi. Vince divesi titoli Nazionali e Internazionali diventando poi un apprezzato docente Federale. All’età di 23 anni si arruola nel Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza, diventato poi Polizia di Stato. Per le sue doti viene scelto come componente dei primi Reparti di Assalto. Trasferito nella Squadra di Polizia Giudiziaria si distingue in quasi tutte le più pericolose operazioni di polizia che hanno portato all’arresto di pericolosi appartenenti a organizzazioni mafiose. Oggi è sott’ufficiale in pensione.

978-88-6152-203-9
euro 14,00


 

Walter Antonucci
Il sale della vita


Se “Il sale della vita”
vi ha tenuti impegnati,
io sono contento,
perché è stato
di vostro gradimento!

Walter Antonucci, nato a Pisignano di Vernole  nel 1946 e coniugato con la Signora Adelaide dalla cui unione nasce il figlio Ivan. Nutre da sempre la passione per la lettura ed in particolare per la poesia.
Consegue il Diploma di Perito Tecnico Industriale. Dopo un breve periodo dedicato all’insegnamento di Applicazioni Tecniche, intraprende l’attività di agente assicurativo da cui deriveranno grandi soddisfazioni anche di carattere umano che lo porteranno a confrontarsi con colleghi europei: francesi e tedeschi. In qualità di presidente del Gruppo Agenti della Compagnia, ha tenuto conferenze di spessore internazionale.
Da sempre sensibile alle tematiche sociali, si impegna in politica, con passione ed abnegazione e ricopre, nel suo comune, importanti cariche istituzionali tra cui quella di Sindaco. Al centro del suo mondo vi è la donna, parte integrante della propria esistenza. Apprezza chi conduce battaglie per il sociale, in difesa dell’ambiente e per un’uguaglianza più distribuita. Attualmente è broker assicurativo. Questa è la sua prima raccolta in versi.

978-88-6152-200-8
euro 12,00


 

Gemone di Velieronero d’Oltremare
Le messi dell’Infinito

RACCOLTA DI RACCONTI

Le messi dell'Infinito richiamano ad un crepuscolarismo-ricètto. In cui soggiornare bellamente senza ricorrere ad atti non vagliati dallo discernimento. Pini gialli e cenge (omissis) potrebbero risultare come arredi ben descritti e giustamente disposti per non procurare cacofonie visive. L'integrità è un baluardo che reputa Bruto un traditore e non un uomo d'onore.
Le menadi si sdraiano accanto ad un Ideale vivo. Non c'è da fare un fuoco per frizione. Esso (o lui) c'è.

Gemone visconte di Velieronero d'Oltremare e marchese de Sourire aux lévres è nato artisticamente «narrando» a Ceuta.
    Ha scritto su riviste letterarie italiane, quali:

  • «Il Foglio Clandestino» di Sesto San Giovanni (MI);
  • «La Masnada» di Coprani Marina (CZ);
  • «Prospektiva» di senese fondazione;
  • «Inverso» di Padova;
  • «Il Ridotto di Venezia» dai serenissimi natali.

È un educatore ambientale, e lavora per l'associazione (onlus) «Adotta un Albero» con radici in Sardegna.
Ama l'Indaco e viaggiare. Il suo motto è «Sans terre»: cittadino delle foglie che vanno e vengono. Non ama conformarsi o appartenere.
Vive di momenti presenti e non negli anni passati. Ha una concezione di Bellezza istintiva; è bello ciò che non si vede, perché il bello lo si mira scendendo nel dettaglio.

256 pagine
978-88-6152-195-7
euro 14,00


 

Giuseppe Mario Potenza
Municipio e Governo centrale


Si fa prima un excursus sui compiti che il municipio ha avuto nel corso del tempo (pur nelle dimensioni diverse quello romano) e sui vari problemi per qualche confronto con l’attuale ordinamento: si profitta dei rapidi cenni di storia italiana per ricordare alcune curiosità del linguaggio dell’epoca.
La sottoposizione del cittadino all’autorità centrale, oltre a quella locale sotto altri aspetti, induce a cogliere alcune caratteristiche del potere statale con una rivisitazione in casa nostra della nota tripartizione ribadita da Montesquieu dello stesso potere in legislativo, esecutivo e giudiziario. Lo sguardo che così si dà al sistema, con le sue non rare anomalie e incongruenze, è occasione di provocazione de iure condendo.
L’impulso in tal senso finora mancato è quello dei singoli cittadini disposti a percorrere strade indipendentemente dai partiti politici – e si è vista la loro funzione devastante (qualsiasi colore abbiano essi avuto) che ha portato all’attuale crisi economica e istituzionale – e non per colpa loro. L’accostamento del discorso del potere locale a quello centrale è, appunto, in relazione all’auspicabile interessamento locale ai fini di una valorizzazione dell’iniziativa popolare. Ciò attraverso un intervento legislativo che si invoca con urgenza per dare rilevanza istituzionale alla pubblica opinione: il punto della situazione su alcune questioni è, peraltro, occasione di spunti di storia legislativa nostrana.
L’art. 49 della Costituzione, infatti, è valso solo per i partiti politici, la cui funzione è chiaramente strumentale rispetto al diritto che i cittadini hanno alla formazione della politica nazionale, e sotto quest’ultimo aspetto è rimasto lettera morta. Il rimedio a questa grave lacuna potrà essere dato da una previsione legislativa di realistica attuazione della norma costituzionale perché in mancanza i cittadini non potranno mai organizzarsi: il comune, che è l’ente loro più vicino ed è ente a fini generali, potrà favorire l’innovazione.
Siamo passati dai comuni che erano articolazioni periferiche dello Stato centrale a enti autonomi nello spirito della Costituzione. Non mancano organismi che coinvolgono i comuni. Ma è ora che l’autonomia locale si avvalga anche di democrazia partecipativa, posto che gli istituti di partecipazione previsti dal legislatore ordinario sono rimasti (altra) lettera morta.

Giuseppe Mario Potenza, nato a Nardò (prov. di Lecce, 1936), laureato in Giurisprudenza, ha approfondito gli studi, in particolare sugli enti locali, nell’Università Internazionale degli Studi Sociali di Roma sotto la direzione del prof. Vittorio Bachelet. E’ stato Segretario Generale di Comuni e delle Province di Imperia e di Alessandria. Già Presidente del Centro Italiano di Studi Amministrativi di Imperia, membro della Commissione ministeriale dei princìpi contabili e della Commissione franco-italiana «Formation des Personnels». Autore di pubblicazioni in materia amministrativa presso le Case editrici Giuffrè, Maggioli e Noccioli, revisore contabile, collaboratore di riviste amministrative, conferenziere, direttore della rivista «Provincia di Imperia». Cultore della materia all’Università degli studi di Genova, ha svolto attività didattica per conto del Ministero dell’interno e di enti vari. Riconoscimenti attribuiti con encomi ministeriali e di enti locali. Conferimento dell’onorificenza di Commendatore e Grande Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana. Encomio del Dott. Francisco Fiallos Navarro, Vice Rettore dell’Università Redemptoris Mater di Managua, e del Lic.Oscar Moreira Araica, Segretario Generale del Ministero della Presidenza del Nicaragua, a seguito di lezioni di diritto amministrativo per funzionari nicaraguensi a Imperia e ciclo di conferenze a Managua a richiesta di detta Università e del Governo del Nicaragua per contributo relativo alle proposte di modifica dell’ordinamento giuridico di quel Paese.

372 pagine
978-88-6152-176-6
euro 18,00


 

Giovanni Capodicasa
La firma

...Anzitutto, chi meno sa è privilegiato e merita onori e pensioni. Ma di questo ce n’eravamo accorti. Niceta è simpatico, nella sua pazzia venata di humour e con un pizzico di testardaggine intellettuale. È un autistico inconsapevole, insomma. Specializzato in velleitarie prese di posizioni non prive di buon senso.
E poi che la vita è proprio così: fatta di incontri, attese e discorsi che, come nelle commedie di Campanile, magari in quelle con pochissime battute, sono prive di qualsiasi senso logico. Soprattutto in politica, ci pare di essere circondati da tanti Niceta, che votano perché non si voti, vogliono essere eletti per non governare, vogliono le stesse cose ma non vogliono dirlo e così via...

136 pagine
978-88-6152-179-7
euro 13,50


 

Raffaele Polo
Leccesità
Parole e disegni di humour salentino

...poi, la letteratura non basta più. È anzi controproducente cercare di riassumere l’anima di un popolo, di una città, con una forma diretta e con analisi etnologiche e sociali. Serve, invece, entrare dentro le cose e capire, ad esempio, come funziona quel meccanismo innato che ti fa sentire l’odore della salsa per le vie del centro storico e, da quella fragranza, tu trovi le risposte ai Grandi Perchè e torni  indietro nel tempo, a quando lo stesso odore era anche il gusto e l'essenza della tua infanzia.
Di un’infanzia leccese, salentina.
Diversa, diversissima da come sarebbe potuta essere se non fossi stato qui, proprio qui, all’ombra del Campanile.
Ed è proprio allora, con l’odore della salsa e una vignetta ricca di segni familiari ed accattivanti, che nasce l’idea della «Leccesità»...

244 pagine
978-88-6152-120-9
euro 13,00


 

Michele Liguori
Ricordi in ...libertà



Nato a Galatina nella primavera del 1936, Michele ha cullato dentro di sè la passione per la scrittura, sin dal tempo degli studi superiori.
Questi brevi, ma semplici scritti autobiografici, nascono dall’esigenza di porre in evidenza alcuni aspetti del vivere dell’uomo nei sui rapporti con la natura, il proprio intimo, la famiglia, il contesto sociale e soprattutto con la fede in Dio. Scritti che, spaziano dalla poesia alla narrativa, intercalati da scorci fotografici rievocanti i luoghi dei « ricordi», nella speranza che tali scritti riescano ad infondere in questo vivere disarticolato dei nostri giorni, una sensazione di pace ed appagamento dell’animo.

60 pagine
978-88-6152-083-7
euro 11,00


 

Piera Spedicato
Semplicemente poesie


..al suo primo esordio come scrittrice, il suo «semplicemente poesie» rispecchia la realtà di tutti i giorni, la semplicità, la trasparenza, i sentimenti di bellezza, l’anima colorita dalle tinte forti, calde come la sua terra.

 

312 pagine
ISBN 978-88-6152-141-4
Euro 15,00


 

Adolfo Maggiori
Come raggiungere la vera felicità

Questo volume è la testimonianza di una straordinaria e impegnativa vita per educare la persona, vissuta nel contesto di una grande, profonda e infinita Fede in Dio, che attraverso particolari e specifiche indicazioni da definire a volte miracolose, mi ha continuamente consigliato, protetto e confortato in ogni evenienza della mia vita, donandomi la più grande ricchezza che l’uomo possa conseguire durante la propria esistenza, vivere irradiato da continue grandi gioie e infinita felicità.

196 pagine
ISBN 978-88-6152-145-2
Euro 13,00


 

Giovanni Capodicasa
Sustie, risustie e insustie


La leggerezza degli scritti (già pubblicati su un settimanale leccese) qui raccolti rivela - attraverso l’aperta ironia con cui sono affrontati i temi trattati - l’insofferenza del quotidiano stare nell’odierna realtà e l’unico modo per allegerirne l’incombente pesantezza.
Parole cariche di humor che diventano pungente richiamo, dal sapore tipicamente salentino, a un’altra possibilità di relazionarsi...
Oltre l’ilarità immediata suscitata dalle «battute», la lettura riserva una via di fuga che traspare dalla ricerca di un linguaggio sperimentale, mai fine a se stesso, teso a superare le regole comuni dell’oralità che diventa scrittura.

176 pagine
ISBN 978-88-6152-109-4
Euro 13,50


 

Elena Tronci
Come un sole


Tra i tanti personaggi che si incontrano in questo lavoro e che si interano nelle vicende raccontate, il Capitano dei Carabinieri Cosimo Natali, impegnato nella missione maestrale in Iraq, vorrebbe realizzare un suo sogno inconffessato. Incredibile come un uomo della sua portata tema di rivelarsi innamorato di una fanciulla, ora diventata una bellissima donna. Oltretutto tra i due si frappongono alcuni ostacoli…

Elena Tronci ha esordito, ancora sedicenne, con poesie e prose, sotto lo pseudonimo di Paola Jonica.
Insegnante, laureata in Pedagogia e diplomata in Vigilanza Scolastica presso l’Università di Lecce, si interessa  di studi storici su Otranto, diproblemi pedagogici e critiche artistico-letterarie.
É stata Giornalista, e corrispondente di vari quotidiani locali e nazionali, nonché collaboratrice di varie riviste.
Ha vinto premi di poesia ed ha ottenuto diverse segnalazioni d’onore in concorsi letterari.
É stata benemerita dell’Accademia di Paestum.

372 pagine
ISBN 978-88-6152-118-6
Euro 16,00


 

Fernando Sebaste
Scritti per non dimenticare


... Fernando ci conduce per mano in un mondo ormai lontano per svelare ai nostri occhi la semplicità del modus vivendi di un tempo nel quale l’uomo affrontava con una filosofia di serena sopportazione le avversità della vita non sempre generosa nei suoi confronti. Sono pienamente convinto che questo volume, ricco di tanta esperienza, dovrebbe esser letto dalle nuove generazioni per capire la vita di un tempo trascorsa nelle difficoltà si, ma anche nell’amore reciproco e nella gioia di viverla.



144 pagine
ISBN 978-88-6152-021-9
Euro 12,00


 

Robert M. Miller
I misteri del cavallo


Il Dr Robert M. Miller è un veterinario e un esperto del comportamento equino. Le sue tecniche di addestramento per imprinting dei puledri appena nati sono usate dagli uomini di cavalli di tutto il mondo. Egli ha pubblicato numerosi libri, video, riviste scientifiche e articoli. Tiene conferenze in ogni continente e porta le sue scoperte sul comportamento dei cavalli e sulla sicurezza di chi li maneggia a veterinari, addestratori e professionisti di cavalli per il mondo. Il Dr. Miller e sua moglie, Debby, vivono in California, a Thousand Oaks con i loro cavalli e muli.

a cura di Serena Cappello

204 pagine
ISBN 978-88-6152-062-2
Euro 16,00


 

Exodus
70 poesie per Don Mazzi


“A volte mi chiedo come sia ormai possibile che un volume di poesie possa donare un piccolo aiuto a coloro che ne hanno bisogno; ma realmente… il sorriso, l’idea ed il cuore, possono ancora raggiungere questo scopo?”
Accompagnandoci per mano, attraverso queste sensazioni, Ivano e io, con immensa gioia, ci auguriamo di riuscire a realizzare una “testo-testimonianza” che si elevi in questo contesto talvolta deludente chiamato “realtà”, che sembra imperare su tutti e su tutto.

Hanno aderito: ANDRIUOLI ELIO, ANELLI AMEDEO, ATTANASIO MARIA, BALESTRINI NANNI, BERRA PIETRO, BIGARELLO LUCIA, BIGGIO MARIA CRISTINA, BISUTTI DONATELLA,
BOCCARDI SANDRO, BONO ELENA, BRANDOLINI ALESSIO, BRUNO PIERA, BUFFONI FRANCO, CAMERA DOMENICO, CAMILLITI MICHELANGELO, CANFIEL MARTHA, CAPUANO MICHELE, CARAMELLA ALBERTO, CARATTI SILVIA, CASIRAGHY ALBERTO, CASINELLI GIUSEPPE, CERA TIZIANA, CIAMPI VIVIANE, COCCHI FLORIO, CRESPI ANGELO LORENZO, CUNEO CAMILLO, D’ELIA GIANNI, DEMARCHI SILVANO, DI POCE DONATO, DONNO STEFANO, EANDI ERMANNO, FAGGI VICO, FARABBI ANNA MARIA, FAUSTINI MARGHERITA, FERRI Giò, FIORI UMBERTO, FLORIS MIRELLA. A CURA DI IVANO MALCOTTI E GIOVANNI BANDI

ISBN 88-89267-23-2
Euro 6,00


 

V. Amato
Accendimi




Veronica Amato nasce il 14 gennaio 1984 nel Salento, terra con la quale instaura un rapporto d’amore che cresce nel tempo. Dopo l’esperienza della scuola dell’obbligo, di cui conserva un ricordo ricco, frequenta il Liceo Linguistico Internazionale «F. Capece», dove s’innamora delle lingue straniere che studia. Dopo il diploma si iscrive al DAMS e si trasferisce a Roma. Attualmente vive a Bologna ed è iscritta allo stesso corso di laurea.
La sua famiglia di provenienza è particolare non più di altre. Ha una mamma con gli occhi giovani, un papà senza barba e due sorelle tatuate nell’iride.

ISBN 88-89267-69-0
Euro 10,00


 

A. Pichierri
Nella Basile



Nella Basile è un personaggio realmente esistito. Il racconto della sua breve vita si snoda tra verità storiche e fantastica immaginazione. Nasce, vive e muore con il fascismo. Appena tre ore dopo l’esecuzione capitale del marito pone fine alla propria vita.




ISBN 88-89267-45-3
Euro 11,00

 

C. Caccetta
Attraverso la sua anima ...tremo



Cristel Caccetta nasce il 12 giugno 1990, sotto il segno dei gemelli. Sin da piccola denota una sensibilità artistica che ancora oggi coltiva nell’arte della danza. Appena adolescente sceglie la scrittura come supremo mezzo d’evasione. Questo libro rappresenta l’approdo di un fervido viaggio della sua fantasia, ma anche la resa dei conti di un intenso vissuto. A volte la vita riserva strade difficili da immaginare e luoghi che disvelano altre realtà… la forza non sta nel ritornare al punto di partenza per cambiare strada… ma percorrerla sino in fondo. Solo allora resterà vera forza.



ISBN 978-88-6152-049-3
Euro 10,00


 

E. Santantonio
Come su specchi



 

D. Cretì
T'insegnerò a volare


Daniela Cretì è nata il 17/01/62 a Lecce, dove vive, dove ha studiato Lingue e Letterature Straniere, dove lavora come insegnante. Un lungo percorso introspettivo ha trasformato la ragazza introversa e schiva, in una donna capace di stupire anche chi la conosce da sempre, per la sua voglia di proporre e di proporsi, di conoscere e di conoscersi, di inseguire un sogno di vita «senza regole», con una vena di sana follia, quella tipica degli artisti, piccoli o grandi che siano. Della stessa autrice Luca Pensa ha pubblicato: «Salvataggio attimi in corso», 2004, «Le ragnatele dell’anima», 2006.


ISBN 978-88-6152-046-2
Euro 12,00


 

L. Di Seclì
I quattordici compassionevoli

Luigi Di Seclì è nato a Taurisano (LE) il 6 Ottobre 1950. Dal 1982 al 1985, dopo alcuni riconoscimenti letterari, si dedica alla stesura del romanzo Le Dodici Fatiche di Ercole (1986), cui seguono il racconto Tata Andrea (1989), Microcosmo, poesie (1989), ancora un altro volumetto di racconti Anthropos due (1990) e Reliquie, poesie (1993). Nel 1994 pubblica I Dieci Comandamenti dallo stile sperimentale e innovativo, con il quale incontra subito il favore del pubblico e della critica. Seguono altri racconti Signora Speranza (1997), le poesie La Cometa (1998) e un poemetto,Vanineide (1999). Dopo un decennio di preparazione interrotta solo dalla pubblicazione di alcuni volumetti, esce il romanzo Le Dieci Piaghe d’Egitto (2001), cui fanno seguito il Romanzopoema Le Dieci Cantate di un Cantastorie (2003) e Speranzare, altro volumetto di poesie (2005).

ISBN 88-89267-36-4
Euro 20,00


 

V. D'Ospina
Terracate

Si evince subito il forte senso d’appartenenza e quanta importanza abbiano per Valeria le radici intese in senso lato, che comprendono i ricordi, gli affetti, i valori, le tradizioni, la terra, l’ambiente… Valeria D’Ospina nasce a Frauenfeld (Svizzera) il 17/12/1964, vive a Neviano e lavora a Lecce. Scrive per proprio diletto in lingua e in vernacolo, ha partecipato a vari concorsi rilevando grandi soddisfazioni. I temi che prorompono nei suoi testi poetici parlano dell’amore per la sua terra, della valorizzazione della tradizione, della riscoperta delle «radici»e poi ancora si tuffano nostalgicamente nel passato, nella bellezza della natura fino a spingersi verso la sensibilità per le problematiche dei più deboli nella speranza che gli uomini trovino il coraggio di creare un mondo migliore.

ISBN13: 978-88-6152-017-2
Euro 10,00


 

F. Di Franco
Finestra sudamericana



 

M. A. Greco
A piccoli passi


Maria Antonietta Greco ha ventun’anni e scrive poesie da quando ne aveva quattordici. Studia Lettere Moderne presso l’Università degli Studi di Lecce. Chi legge poesie rallenta e frena la sua corsa. Con questa semplicità narrativa e fotografica l’autrice assume sembianze di farfalla che ondeggia libera su tutti i fiori, belli e brutti che la vita le ha fatto annusare.





ISBN 978-88-6152-043-1
Euro 10,00


 

P. Lerario
Il mare d'inverno


Pietro Lerario è nato a Margherita di Savoia l’8.9.1948, risiede a Lecce dal 1982. Nel 1977 ha pubblicato il suo primo libro di poesie, L’uomo la terra il mito con l’editore Edilnor. Nel 1980 ha pubblicato il volume Del tempo che passa ed altre cose..., con il quale ha vinto il premio di poesia «Città di Bolzano». Nel 1996 ha pubblicato Antiche stagioni con l’editore «La Vallisa». Sue poesie sono state pubblicate su varie riviste letterarie, raccolte in antologie, e tradotte in lingua spagnola.




ISBN 88-89267-62-3
Euro 5,00


 

A. Ciciriello
Kamasutra


Questo lavoro vuole essere un arricchimento della prosa semantica dei movimenti sintetizzata dalla formula Cuore-Cervello-Corpo (le tre c anche ultavitaminiche), proponendosi come guida ragionata per la famiglia monoreddito, scelta come soggetto auditel classico della narrativa famigliare nazionale; per i single; per quelli che occupano l’universo fragile dei quadri medi e intermedi dell’anderground cittadino nell’editoria, nelle televisioni, nei circoli culturali. Angelo Ciciriello nativo di Ceglie Messapica, giornalista pubblicista, scrittore, poeta, fumettista, autore teatrale, ha al suo attivo diverse pubblicazioni.

ISBN: 88-89267-53-4
Euro 10,00


 

M. Dini
L'eclisse

Qual’è il confine fra realà e fantasia? Possibile che gli uomini ignorino completamente creature come Orchi, Troll, Fate, Elfi. Nani? 0 piuttosto pare plausibile che siano state invece queste creature, a non volere più a che fare con l’odio, la rabbia, la paura che albergano nella nostra dimensione? Nato a Genova, Marcellino Dini vanta un significativo curriculum in campo tecnico scientifico. Responsabile Tecnico in Radioterapia Oncologica e docente in Scienze tecniche Mediche e Applicate in Diogniostica per immagini e radioterapia tra, i numerosi interessi, ha da sempre coltivato la passione per la scrittura. Questa pubblicazione, la prima di due distinte uscite editoriali, è il frutto di una fertile fantasia, e rappresenta l’impegno dell’autore nel far continuare a vivere, almeno tra le pagine di un libro, gli sconfinati orizzonti dell’immaginazione, o, se si preferisce, la dolcezza di un bel sogno.

ISBN 88-89267-84-4
Euro 20,00


 

M. Gentile
Canti di lotta e d'amore

Martina Gentile ha vent’anni e un’adolescenza trascorsa a scrivere versi. Ama profondamente la letteratura e attualmente studia Lettere moderne presso l’Università degli Studi di Lecce. Quando sarà grande (si illude che questo momento non arrivi mai) vorrebbe fare l’inviata speciale. Non ho timore di sbagliare se affermo, come faccio, che Martina Gentile, se non smetterà di sognare, fermando con l’inchiostro i suoi passi attenta a quelli degli altri, lascerà un segno nella scrittura di questa (e non solo) nostra latitudine (di lenti svogliati infiniti respiri tra macchie di colori irripetibili). E, se bene ho visto, l’immortalità comincia da «Io voglio che la mia tomba / sia più degna / dei luoghi su cui ho vissuto...».

ISBN 10 88-6152-003-0 - ISBN 13 978-88-6152-003-5
Euro 10,00


 

Ospedale "A.Galateo"
La luce nell'archè della vita

La luce nell’Archè della vita è il titolo della mostra permanente di arte contemporanea, allestita nel reparto di cardiologia dell’ospedale «A. Galateo» di San Cesario di Lecce. Una mostra d’arte per recare sollievo e serenità. Una collezione d’arte che allude alla luce per infondere speranza e ottimismo. A quella luce che ha lo stesso significato allegorico della grande tela esposta nell’atrio dell’ospedale che raffigura una sobria Adorazione dei pastori eseguita da un ignoto pittore attivo nella prima metà del XVIII secolo.



ISBN 978-88-6152-090-5
Euro 10,00


 

F. Carrozzo
Nel respiro del tempo

Francesco Carrozzo nasce a Magliano (LE) il 31.3.1960. Si laurea in giurisprudenza presso l'Università di Parma, città dove attualmente risiede e lavora. Si accosta alla poesia frequentando diversi luoghi di cultura emiliani ed entra in contatto con poeti e scrittori italiani e stranieri. Svolge un ruolo fondamentale nella nascita di diversi gruppi che si occupano di fare e divulgare poesia. Tra la fine degli anni Novanta e l'inizio del Duemila, conosce Alessandra Fornari, Meteen Nasr e Giovanni Catalano, che lo porteranno ad interessarsi fattivamente di cinema e teatro. Ha al suo attivo alcune pubblicazioni di raccolte poetiche (la prima, dal titolo Anche per questo..., autoprodotta nel 1991). Sue poesie sono state inserite in lavori collettivi, tra cui ricordiamo la raccolta Poeti per Sim-patia, edita nel 2002 da Lietocolle.

ISBN 88-89267-80-1
Euro 13,00


 

T. Soldavini
Novarte


L’arte può contribuire a far riflettere, a cambiare le cose, a dilatare verso orizzonti sempre nuovi, a superare divisioni, ad avanzare al di là delle culture, delle divisioni geografiche, delle barriere linguistiche, economiche, politiche: solo così è possibile superare un soggettivismo esasperato e sedere alla mensa della convivenza globalizzata, coscienti che ciò arricchisce. Da questa idea nasce NOVARTE Arte senza frontiere. Un sogno che può apparire un manifesto utopico. Tiziano Soldavini, nato a Lonate Bozzolo (Va) il 19 novembre 1957. Attualmente è inpegnato come sacerdote nella pastorale sanitaria. Nella sua passione autentica per le arti figurative e per la poesia, nonché per la scrittura in genere e nel suo servizio umano e spirituale nello stesso tempo, è capace di ottimismo, di fiducia e di accoglienza: doti tutte di cui proviamo attualmente un enorme bisogno.

ISBN
Euro


 

AA.VV.
Sotto la cenere

«Sotto la cenere» - mi dice Agostino - si chiama questo libro di poesia, e mi consegna un faldone. «Sono 7 autori e sono nostri amici», aggiunge. Quel nostri amici mi fece subito pensare ad un libro, un libro di racconti che Verri aveva messo insieme, «Luoghi di frontiera», e nella presentazione scriveva «Gli autori sono miei amici, li ho invitati perché mi sono care le loro radici, care le loro scelte, e poi perché sono abili nel riempire di paradossi e di trasparenze la loro scrittura. Sono abili anche in altro ma questo, naturalmente, mi interessa meno».


ISBN 978-88-6152-037-0
Euro 10,00


 

M.R. Teni
Dissonanti armonie

Maria Rosaria Teni ha suddiviso questa sua raccolta di poesie in tre sezioni: Rabbia, Stelle e Silenzio. Nella prima sono racchiuse poesie che nascono da un sentimento di insofferenza e disagio dinanzi a situazioni di degrado, di violenza e intolleranza. La rabbia scaturisce dalla consapevolezza che il nostro «villaggio globale» ascolta e si informa ma non interviene; il «tam-tam» quotidiano bombarda ma non induce a riflettere, come se la brutalità di certi avvenimenti fosse normalità di vita.



ISBN 978-88-6152-022-6
Euro 10,00


 

AA.VV.
Vertigine


ROSSANO ASTREMO, MANILA BENEDETTO, DAVIDE BREGOLA, GAETANO CAPPELLI, NICOLA CARDUCCI, EVA CLESIS, GABRIELE DADATI, GIANLUCA D'ANDREA, CRISTIANO DE MAJO, GIROLAMO DE MICHELE, MARIO DESIATI, STEFANO DONNO, ANTONIO ERRICO, MATTEO FANTUZZI, GlUSEPPE GENNA, GlANLUCA GIGLIOZZI, ANDREA INGLESE, NICOLA LAGIOIA, ELISABETTA LIGUORI, ROBERTO LUCCHI, MAURO MARINO, GIORDANO MEACCI, CATALDO DINO MEO, ANTONIO MORESCO, CLAUDIO MORICI, GlULIO MOZZI, FRANCESCO PACIFICO, LUCIANO PAGANO, ELIO PAOLONI, ANGELO PETRELLI, FLAVIA PICCINNI, TOMMASO PINCIO, LAURA PUGNO, FRANCESCO RAIOLA, SERGIO ROTINO, FLAVIO SANTI, TIZIANO SERRA, SPARAJURI, PIERO SORRENTINO, FABIO TOLLEDI, ANTONIO L. VERRI, WU MING1, MASSIMILIANO ZAMBETTA

ISBN 88-89267-92-5
Euro 10,00


 

Carmen Cillo
IdeAli


“La penna che scivola ma non perde l’equilibrio, si tiene stretta al palmo della mano che la incoraggia a volare, tanto non può succederle niente, la mano è lì che la tiene forte, la penna deve solo fidarsi, non deve avere paura dei suoi enormi poteri”.

Nata ad Avellino l’undici febbraio del 1998, Carmen Cillo è studentessa del Liceo Classico “Colletta”, della stessa città.
Esordisce sedicenne con questo romanzo, dopo aver studiato la Filosofia Antica, che diventa la sua insostituibile musa ispiratrice.
Scrive fin da giovanissima piccole poesie e testi in prosa, raccogliendo, come fossero margherite fresche, momenti interminabili, sorrisi di amici e familiari e sensazioni struggenti quanto meravigliose.
Si cimenta nella stesura di romanzi, ispirata da dottrina filosofiche, note musicali, versi di poeti, mossa da un grande amore per la scrittura.

978-88-6152-211-4
Euro 13,50




© 2010 Pensa Editore - Tutti diritti sono riservati | Powered & Developed by Pensa Editore